Immagine
 come da titolo... di La Ric
 
"
Amo il lavoro; mi affascina. Posso star seduto a guardarlo. Adoro tenermelo vicino; l'idea di liberarmene mi spezza il cuore.

Jerome K. Jerome
"
 
Ci sono 114 persone collegate

Titolo
Amici e dintorni (7)
Anche noi nel nostro piccolo... (3)
Assurdità dal mondo (2)
Cinema e dintorni (50)
Emozioniamoci (2)
Eventi (3)
Libri in pillole (17)
Me and myself (23)
Miscellanea (13)
Musica e dintorni (2)
Nerdate (4)
Non solo libri (15)
Questo l'ho fatto io (4)
Televisione (5)

Catalogati per mese:
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
There are many ...
14/08/2017 @ 06:20:05
Di rolex replica
There are many ...
14/08/2017 @ 06:18:48
Di replica watches sale
There are a tho...
14/08/2017 @ 06:18:19
Di replica watches uk
The diameter of...
14/08/2017 @ 06:17:43
Di replica watches
The film will e...
02/05/2017 @ 09:02:30
Di rolex replica uk
Cameron himself...
02/05/2017 @ 09:02:12
Di rolex replica sale

Titolo



La Ric

Crea il tuo badge
Questo blog non ha alcuna periodicità, non assomiglia minimamente a una testata giornalistica! Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7 marzo 2001.

viaggi low cost
Antivirus Gratis

net parade

segnala il tuo blog su blogmap.it

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Ma non avevi proprio altro da fare?
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di La Ric (del 14/11/2018 @ 15:58:17, in Cinema e dintorni, linkato 2 volte)


OVERLORD di Julius Avery
con Wyatt Russell e Jovan Adepo

La storia è ambientata durante la seconda guerra mondiale. Un manipolo di soldati americani deve paracadutarsi in un piccolo villaggio della Francia e far esplodere la chiesa, dove i tedeschi hanno messo una antenna radio. Tutto questo a poche ore dallo sbarco in Normandia. Naturalmente nulla andrà come previsto, e nella chiesa i nostri eroi non troveranno solo l'antenna radio.

Credevo fosse amore invece era un calesse.
Credevo fossero orde di Zombie invece erano un due tre, ma proprio nel senso di uno, due, tre di numero. Sì, ok, tre è il numero perfetto direte voi . Tre sarà anche il numero perfetto, ma non quando si tratta di zombie. Quando si tratta di zombie come minimo voglio vedere cifre a 4 zeri

Aspettative deluse? Deluse nel senso di "mi aspettavo una cosa invece era completamente un'altra".
Mi ero fatta l'idea di una trashata pazzesca, qualcosa tipo Dead Snow, Iron Sky e magari anche un pizzico di Z-Nation. Invece mi sono trovata davanti un film serio, ma soprattutto un film bello. Un film di guerra che vira all’horror, con spargimento di sangue, di corpi e di interiora e poi tutto il resto che non vi racconto per non rovinarvi la sorpresa. Da guardare con dose doppia di pop corn, Coca Cola gigante e Haribo come se non ci fosse un domani.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di La Ric (del 12/11/2018 @ 15:23:43, in Cinema e dintorni, linkato 4 volte)



Excision di Richard Bates jr
con AnnaLynne McCord, Traci Lords, Matthew Gray Gubler, John Waters, Malcolm McDowell, Ray Wise

Facendo una classifica degli horror recenti, e per recenti intendo usciti negli ultimi 10 anni, direi che è tra quelli che più mi sono piaciuti. In effetti non è proprio un horror e, se lo vedi con quello spirito, per un buon 2/3 del film ti domandi "Ma allora sto sangue ce lo fanno vedere o no"? Poi finalmente il sangue arriva e...
Ma vediamo un po' di cosa parla.
Pauline ha 18 anni, un padre invisibile, una madre che vuole avere il controllo su tutto, una sorella malata e per questo oggetto di tutte le attenzioni genitoriali e dei compagni di scuola che la trattano come un caso umano. Lei comunque é un caso umano, è sociopatica, fuori da ogni regola, un po' Carrie un po' Princess di "The Loved Ones". A sua discolpa devo dire che, con una madre come la sua, probabilmente pure io sarei cresciuta non proprio tutta registrata.
La mamma in questione è interpretata da Tracy Lords che, per l'occasione, rinnega il suo passato per dar vita a un personaggio molto devoto e legato alle convenzioni.
Quanto ai comprimari sono tutti attori di primo ordine.
Malcolm McDowell [ammmmore incondizionato] solo ascoltare quelle quattro battute mi mi fa venire la pelle d'oca [get It done!]
John Waters vabbè, che te lo dico a fare? Matthew Gray Gubler, l'Asperger più famoso del piccolo schermo [il dr. Reed di Criminal Minds]. Ray Wise, il daddy Palmer di Twin Peeks.
Lo consiglio? Si. Come qualcuno mi ha detto, non è una serata buttata. Buona visione.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di La Ric (del 02/11/2018 @ 23:06:52, in Cinema e dintorni, linkato 11 volte)


Wrong turn - Il bosco ha fame
Regia: Rob Schmidt
Con: Eliza Dushku, Desmond Harrington, Jeremy Sisto

Devo dire che di mia spontanea volontà Wrong Turn non lo avrei mai guardato, quindi ringrazio [ma lo ringrazio davvero?] quell'anima pia che mi ha fatto scoprire questo capolavoro horror 🤣🤣🤣. Non che avessi letto recensioni negative o avessi visto il trailer e non mi fosse piaciuto. Semplicemente non mi ispirava, avevo idea che fosse una cagata pazzesca e, dato che ho una lista lunga chilometri di film e serie TV in attesa di visione, lo avevo scartato a priori. Ora che l'ho visto, la mia opinione non è cambiata di molto.
A suo favore posso dire 2 cose:
1] Il cast é di tutto rispetto
Elisa Dushku, attrice per me sottovalutata,  i cui trascorsi horror spaziano tra serie TV come Buffy l'ammazzavampiri e film inquietanti come The alphabet killer.
Desmond Harrington, che forse qualcuno di voi ricorderà tra gli attori principali di una delle mie serie culto, ovvero Dexter.
Jeremy Sisto, che mi piace un sacco e tanto basta 😁
2] Quanto a sangue, ammazzamenti e scene splatter non si fa mancare nulla. Tutto lì in bella mostra, cadaveri, pezzi di cadaveri e affini. Per il resto è un mix male assortito di Le colline hanno gli occhi, Non aprite quella porta e  Un tranquillo weekend di paura, ma attingere a capolavori di culto non lo rende a sua volta un capolavoro.
Come al solito in questo genere di film i  protagonisti muoiono quasi tutti, il che è cosa buona e giusta, perché la stupidità umana va punita e non premiata e alcuni fanno cose talmente stupide che ti domandi come mai non siano morti nei primi cinque minuti di film. Poi ti rendi conto che se li avessero ammazzati subito, come in effetti avrebbero meritato, non ci sarebbe stato un film. Invece, alla fine, si lasciano pure la porta aperta ad un possibile seguito. E seguiti furono. Ho visto che la saga continua fino numero 6, io credo proprio che mi limiterò al primo 🤣
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di La Ric (del 03/03/2015 @ 23:55:29, in Cinema e dintorni, linkato 869 volte)


Guardare questo film è stato come prendere la macchina del tempo e catapultarsi direttamente nei favolosi anni '80. Che poi proprio favolosi non lo sono stati, almeno per la classe operaia ingelse perchè la Thacher ha risollevato l'economia del paese a sue spese. I minatori sono in sciopero da quasi un anno. Hanno tutti contro: governo, istituzioni, forze dell'ordine. Anche la comunità gay non se la passa meglio e, in piu' ha contro anche la chiesa. Unire le forze per una causa comune è stato un vero colpo di genio.



Se cerco di trovare qualcosa che non mi sia piaciuto in questo film, non ci riesco. Sarà il cast di prim'ordine, sarà la colonna sonora anni '80, sarà l'atmosfera che mi ricorda che all'epoca in cui si svolgono i fatti io avevo l'età dei protagonisti giovani, insomma la mia epoca.
Questo film è bellissimo. Del resto è un film anglosassone e io ho un debole per il cinema indipendente di oltre Manica. E come solo gli inglesi sanno fare, un argomento serio viene trattato in modo a volte surreale, senza per questo perdere di credibilità. Come al solito "English do it better"

Pride di Matthew Warchus con Bill Nighy, Imelda Staunton, Dominic West, Paddy Considine
Voto: 8
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di La Ric (del 04/11/2014 @ 11:48:22, in Cinema e dintorni, linkato 1011 volte)


Finalmente visto. Non mi aspettavo un capolavoro e non sono rimasta delusa. Un bel gotico con tutte le atmosfere del caso. Atmosfere cupe e più che altro notturne. Come potrebbe essere altrimenti? Pipistrelli, combattimenti, squartamenti, sangue come se non ci fosse un domani. Sii tratta pur sempre di un film sul vampiro più famoso della storia. Fighi a mazzi, che muoiono praticamente tutti, perché alla fine ne resterà solo uno. Ah no, quello era un altro film. Comunque il succo é quello, ne resterà solo uno, anzi due, anzi non vi anticipo nulla per non rovinarvi la sorpresa perché, secondo il prof, potrebbe anche esserci un seguito. Finale a sorpresa.

Dracula Untold di Gary Shore
Con: Luke Evans, Dominic Cooper
voto: 6.5
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di La Ric (del 18/09/2014 @ 17:11:05, in Libri in pillole, linkato 1024 volte)

 

Asciutto, senza troppi fronzoli, ambientato in America nella seconda meta' dell'800, descrive le vite di un gruppo di uomini di legge che poi proprio santi e immacolati non sono.
Alkali è una citta' in cui gli allevatori pensano di essere al di sopra delle leggi, risse e sparatorie sono all'ordine del giorno
Il Deputy Marshal Wyatt Johnson e i suoi uomini hanno l'incarico di mantenere l'ordine e lo fanno senza paura di sparare, men che meno di uccidere, seguendo una propria etica, che non sempre va di pari passo con la giustizia
Nei vari film (Sfida infernale di John Ford, Sfida all'Ok corral di John Sturges)si da molto risalto alla figura di Doc Hollyday, qui presente ma in buona compagnia di personaggi altrettanto caratteristici dell'epoca, un ex bandito, un giocatore, un pistolero, tutti molto verosimili
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di La Ric (del 29/07/2014 @ 16:09:36, in Cinema e dintorni, linkato 982 volte)
SPOILER SPOILER SPOILER

Non si può' dire qualcosa su questo film senza spoilerare sul tema principale, che nel film si scopre più o meno dopo un buona mezz'ora.

Fortunatamente, anche a sapere di cosa parla, non si viene privati del piacere della visione, nel senso che non avere  l'effetto sorpresa,  non preclude di godersi il film.


Decisamente è un film sui generis. L'argomento è stato trattato moltissimo in passato, anni 70 e 80, horror italiani e stranieri e anche in epoche piu' recenti. Il tema e' splatter per antonomasia,  ci si aspettano squartamenti e sangue. In questo film però sono molto marginali, mentre a farla da padrone è l'atmosfera morbosa, cupa, diafana e anemica  del paesaggio e dei personaggi.


Il film comincia con la morte di una donna, che lascia marito, due ragazzine e un bimbo più piccolo. La famiglia vive fuori dal paese, in un posto molto isolato. Come vicini di casa un paio di camper a cui hanno affittato un pezzo del loro terreno. Un paio di cose si intuiscono subito Il bimbo piccolo ha fame, il papà gli concede solo latte e si capisce che è da qualche giorno che non mangia.La figlia grande, che non avrà piu' di 15 anni, deve farsi carico dei compiti che erano della mamma, e si intuisce che non si stratta solo di lavare, stirare e cucinare, ma qualcosa di piu' ancestrale, una tradizione che si tramanda da lungo tempo. Il resto lo evito per non spoilerare troppo. Vi dico solo che il finale e' a sorpresa, ma non troppo, comunque degno di fare da chiusura al film.


WE ARE WHAT WE ARE
Diretto da Jim Mickle
Voto: 6/7
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di La Ric (del 02/03/2014 @ 12:24:44, in Miscellanea, linkato 2137 volte)


Io sono una che legge tanto. Non al livello di X libri/anno, ma leggo continuativamente. Piu' o meno leggo contemporaneamente qualcosa in inglese e un paio di cose in italiano, una più "mattonazzo" e una piu' "svago"
Qualche anno fa è venuto alla porta un tizio che voleva vendermi un abbonamento per Euroclub, o Club degli Editori o Club sailcavolocosa. Mi ha chiesto quanti libri avessi comprato l'anno prima e io ho risposto che ne avevo comprati piu' di 100 e letti 43. Lo so con precisione perche' me l'ha detto aNobii (http://www.anobii.com/). Lui allora mi ha detto che la media italiana di acquisto era 3/4 libri all'anno e che questo non voleva dire che poi i libri venirssero letti.  Quidni in media gli Italiani comprano 3/4 libri all'anno ma poi magari non li leggono.
Io, come potrete immaginare, con quei 100 libri avevo diminuito enormemente lo spazio a disposizione, nonostante possedessi una Lema rosso tulipano di ragguardevoli dimensioni (2.40 x 2.63)



Nell'estate 2011 decido di porre rimedio e comprare un e-reader. Un paio di amiche avevano il Kindle e si trovavano bene, quindi andai su amazon.usa (in Italia ancora non c'era) e comprai quello che sarebbe diventato "il 1 kindle di Riccarda" (amazon lo chiama cosi'). Presi il modello e-ink con wifi e tastiera. Ebbeni si il mio kindle ha la tastiera, non se ne vedono molti in giro, ma alla fine averla risulta utile. Piazzai nell'ordine anche la custodia originale kindle, color rosso, perche' diciamocelo, le custodie originali costano un botto ma sono perfette, quelle di altre marche costano un terzo ma fanno cagare e cosi' ti ritrovi ad aver comprato l'ultimo modello di lettore ultra sottile che con la custodia diventa 3 volte piu' spesso.



A Natale mi arrivò anche il nuovissimo (per l'epoca) Kindle Fire, sempre mercato americano, che nelle intenzioni di amazon doveva fungere anche da tablet. Il n3rd lo trasformò seduta stante in un tablet android e ci sono andata avanti fino a qualche mese fa.



Lo scorso Natale l Kindle Fire HD era in offerta ad un prezzo stracciato e io non ho saputo resistere. E cosi' ora mi ritrovo con "il 3 kindle di Riccarda".



La cosa figa del kindle è che puoi spostare/copiare i libri dall'uno all'altro. Poi se tu cominci a leggere qualcosa su uno e vuoi continuare su un altro, lui si ricorda dove sei arrivata e ti tiene il segno. Sinceramente non mi sono mai preoccupata di vedere come fossero  i lettori di altre marche, dato che  mi trovo bene perche' cambiare? Avevo anche pensato di regalarmi il Paperwhite retroilluminato, ma il mio attuale e' perfetto e mi dispiace rottamarlo.
Certo qualcuno potrà dire che il kindle legge solo i formati proprietari di amazon, cioè .mobi e .azw . In realtà legge anche .doc e .pdf, ma non vi consiglio di leggere un intero libro in pdf a meno che non siate desiderosi di perdere un paio di diottrie ^__^
In ogni caso se volete comprare libri da altri store potete farlo e poi li convertite con Calibre (http://calibre-ebook.com/). Calibre e' un'app gratuita per il computer che converte tutti i formati. Io l'ho scaricata sul Mac, ma alla fine non la sto usando. Mi trovo cosi' bene con lo store di Amazon che non sento l'esigenza di usarne altri. Trovo tutto, acquisto con un clik, il libro arriva direttamente sul kindle che ho scelto, lo posso inviare agli altri miei kindle.

Questo significa che ho abbandonato la carta? Certamente no, ma di sicuro non mi capiterà piu' di fare acquisti comlulsivi come l'anno che ho comprato piu' di 100 libri e poi non sapevo dove metterli. Sul kndle ce ne stanno più di 1000 quindi sono a posto per i prossimi 10 anni. E poi, visto che dicono che noi liguri siamo un po' "braccino corto", non si puo' non guardare un altro aspetto pratico: l'e-book costa meno. Non so voi, ma io non posso permettermi di spendere ogni volta 18-20 euro per un libro appena uscito. Magari aspetto l'edizione economica e quanto costa? 14 euro. Considerato tutto quello che voglio leggere non ce la posso fare. Un e-book costa in media meno di 10 euro, ma ce ne sono anche di molto economici. I grandi classici poi, se sono scaduti i diritti di autore, si scaricano gratuitamente.

Bene, ora non vi resta che andare sullo store di Amazon e... come diceva Sophia Loren in una famosa pubblicità, della quale peraltro non ricordo minimamente il prodotto pubblicizzato, "Accattatevillo"
Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di La Ric (del 26/02/2014 @ 13:56:37, in Televisione, linkato 1094 volte)

I protagonisti principali, almeno delle prime 3 stagioni

La trama in breve
La storia e' incentrata sulla convivenza Londinese di un licantropo, un fantasma e un vampiro, che, detto così', sembra l'inizio di una barzelletta. Invece le vicende che li coinvolgono sono altamente drammatiche. Loro tentano di rifuggere la natura di mostri e comportarsi da umani, spesso con esiti disastrosi.
In un  mondo popolato da vampiri e licantropi, le due specie si odiano a morte. I licantropi impalano ogni vampiro che incontrano sul loro cammino, i vampiri si dedicano al potere. Cercano di occupare alte  cariche nell'amministrazione cittadina, in modo da poter poi nascondere le loro scorribande in cerca di sangue umano
La serie e' un "horror drama". Ci sono ii vampiri, i licantropi e i fantasmi, quindi e' innegabilmente horror.  
E' divisa in 5 stagioni da 8 episodi ciascuna. Dio benedica i britannici perchè hanno il dono della sintesi e riescono a concentrare una stagione in pochi episodi. In pratica, come ho più volte affermato, English do it better… ma a volte anche loro si dilungano un po' troppo.



Te pomeridiano

Ho visto settimana scora l'ultima puntata dell'ultima stagione e non e' da me, perché' se una serie mi piace, e Being Human mi piaceva moltissimo, la seguo in contemporanea con il paese di origine.
In effetti le prime 3 stagioni sono andate via in un lampo, bellissime, tristissime e piene di figaggine (leggasi Mitchell). Quasi mi spiaceva che fossero solo 8 episodi perché poi avrei dovuto aspettare l'anno dopo per la stagione successiva.
Con la fine della terza c'e' una rottura col passato e un nuovo inizio, la quarta stagione prende una piega fantascientifica e io cominicio ad annoiarmi.
La pianto li' sfiduciata e triste. Poi per caso quest'anno lo ripassano in tv e mi impongo di vedere le ultime due stagioni. Ok, la quarta e' proprio bruttina, ma e' la naturale conclusione della storia. La quinta non ha ragione di esistere, con il finale della quarta avrebbero potuto sistemare tutto e non l'anno fatto. E allora io mi chiedo perché' tirare avanti altre 8 puntate senza senso rispetto alla storia precedente? Probabilmente a beneficio dei fan, come hanno fatto con i Winchester, la cui naturale fine avrebbe dovuto essere la 5 stagione e invece ora stanno girando la 10.
A parte queste considerazioni personali, Being Human e' una serie bellissima, come solo gli anglosassoni sanno fare (si, ok, sono di parte e lo ammetto). Potete tranquillamente fermarvi alla 4 stagione, ma consiglio di guardarla.
Voto: 8++


Ma quanto è figo Mitchell?


Vampiri
Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di La Ric (del 27/01/2014 @ 10:33:49, in Televisione, linkato 1134 volte)


Piccola premessa: questa serie è inglese quindi mi piace a prescindere. No, non è vero, ma diciamo che ho una predilezione per le serie tv di oltremanica, perché diciamocelo, English do it better. Più' che English, sarebbe meglio dire i britannici in generale.
Motivi per cui preferisco le serie britanniche:
-Le stagioni non durano 20 puntate e oltre, in genere vanno da 6 a 10
-Non sono legati al politically correct ad ogni costo, se devono andarci giù pesante, lo fanno senza scrupolo alcuno
-Non sono legati all'happy end tipicamente americano.


Le due lesbiche

What Remains non fa eccezione. 4 cazzutissimi episodi, che mettono a nudo il cinismo e la degradazione morale di quelle che insospettabilmente sembrano essere persone "normali"
Tutto ruota intorno a una palazzina d'epoca, 5 apparamenti più un sottotetto, e all'umanità varia che la abita. Abbiamo cadaveri passati e presenti, psicopatici,   segreti e tradimenti

I nuovi inquilini trovano un corpo mummificato nel sottotetto. Il cadavere si scopre essere dell'inquilina dell'ultimo piano, che da un paio di anni ormai non abita più' li', o quanto meno nessuno l'ha più' vista. E li' viene da chiedersi come sia possibile che, in una casa che ha solo 5 appartamenti, da un giorno all'altro scompaia un vicino  e nessuno si faccia domande.


Il cadavere mummificato: grassa, sola e depressa

La polizia archivia il caso come suicidio, ma un  detective in pensione decide di indagare per conto suo, perché non ne e' completamente convinto.
Il resto e' un susseguirsi di rivelazioni mai prevedibili e colpi di scena. La cosa più terribile di tutta la storia non sono gli omicidi in se, ma l'indifferenza e il cinismo degli abitanti della casa, persone che potrebbero tranquillamente essere i nostri vicini di casa.


Il giornalista redento dall'alcool (forse)




Il vecchio professore


La psicopatica


La casa

WHAT REMAINS (2013)
BBC Drama Production
Episodi: 4
Voto: 7 1/2
Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15

< novembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
13
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             



Titolo
Bianco e nero (1)
Miscellanea (3)

Le fotografie più cliccate

Cerca per parola chiave
 


19/11/2018 @ 06:11:10
script eseguito in 63 ms